Undertaker, recentemente, è stato intervistato da Ed Young e, nel corso dell’intervista, si è concentrato, in particolare, sugli infortuni subiti nel corso della sua leggendaria carriera. Ecco le sue parole:

 

“Negli ultimi 28 anni credo di aver subito qualcosa come 17 operazioni chirurgiche. Ho avuto entrambe le orbite degli occhi rotte, sono stato bruciato per errore, mi sono strappato pettorali e bicipiti, ho subito diversi interventi alle articolazioni e, se devo dirlo, sicuramente, tutto questo non è stato affatto divertente. Non so neanche quante volte abbia avuto una commozione cerebrale, quindi il mio corpo ne ha passate senza dubbio abbastanza. Devo fare un sacco di stretching e mettere spesso del ghiaccio un po’ ovunque per non avere troppi dolori. Il Wrestling non è così affascinante come molte persone pensano, lo amo ovviamente, è stata la mia fortuna, la mia vita, ma non è tutto rose e fiori come molti immaginano”.

 

Undertaker poi ha spiegato il motivo della sua longevità nel business dicendo:

“Se sono rimasto in attività per così tanti anni, nonostante tutti questi infortuni, di sicuro il merito è dello staff della WWE, allenatori e medici. I metodi di allenamento e di recupero della federazione sono migliorati di molto con il passare degli anni, la WWE ha fatto grandi passi in avanti, sopratutto negli ultimi anni. Prima dovevi assolutamente lottare ed esibirti, se non lo facevi non venivi pagato. Ma ormai il wrestling ha fatto grandi progressi in questo senso, oggi c’è una cura nettamente maggiore per gli atleti”.

FONTEringsidenews.com & zonawrestling.net
ENQU4R
Laureato in legge, ancora senza un futuro certo, ma con tre grandi passioni: il Calcio, il Cinema e la WWE. Come tutti quelli della mia età mi sono avvicinato al wrestling 15 anni fa, su Italia 1, con John Cena ed Eddie Guerrero, poi me ne sono allontanato riscoprendolo da poco più di 5 anni. Adoro Seth Rollins, AJ Styles e Kevin Owens. Nel sito, attualmente, sono il reporter temporaneo ufficiale di SmackDown e me la godo, essendo lo show blu da sempre il mio show preferito. Quando non sono in giro a bere Gin Tonic passo le giornate tra film, serie tv, tennis e partite di calcio. Fino alla fine!